Il fashion designer Marc Jacobs ha raccontato la sua quarantena, trascorsa al Mercer Hotel di Soho, in un cortometraggio dal gusto ironico e vagamente dark

All’inizio di marzo, quando la pandemia da Coronavirus ha colpito New York, Marc Jacobs si è ritirato nel famoso hotel alla moda e, preso da uno slancio creativo, ha filmato i momenti più salienti del suo periodo di reclusione, fino alla sua partenza, alla fine del lockdown.

La quotidianità in quarantena

Girato dall’assistente e collaboratore di lunga data Nick Newbold, A New York Story è un racconto, della durata di 24 minuti, delle attività svolte da Jacobs durante i 90 giorni di isolamento, dal bagno ai suoi cani Neville e Lady, alle cene da asporto. Il tono è tra il sarcastico e il romanzato; molta attenzione viene attribuita alla gestualità. Da un lato si nota la scrupolosa osservanza dei protocolli anti Covid-19, con il personale dell’hotel che indossa guanti in lattice a tutte le ore, e dall’altro emerge l’ossessione maniacale dell’artista per il proprio aspetto. Diverse scene riprendono, con dovizia di particolari, i rituali che Jacobs dedica alla cura della sua persona: dalla manicure alla creazione del perfetto smoky eyes. 

The one man show

La regia è caratterizzata da una scelta creativa ed umoristica, il designer interpreta non solo se stesso, ma anche la maggior parte dei membri del cast: l’addetto alla reception, il tecnico dell’aria condizionata, lo chef e il buttafuori del Submercer, nightclub dell’hotel Mercer. 

Gli unici ad avere un volto diverso sono due personaggi che, non a caso, rappresentano un punto di rottura rispetto all’uniformità della narrazione: l’amico a cui Jacob fa una video-chiamata dal bar, distante da lui nello spazio, e il facchino che porta nella stanza le valige del cliente successivo, dopo che il designer ha lasciato l’hotel, segno che il lockdown è finito e tutto sta cambiando. 

La moda e il make-up

I personaggi sono vestiti in maniera impeccabile, con un mix di uniformi del Mercer Hotel e capi firmati Marc Jacobs. Un filo di perle è l’accessorio simbolo, che lega tutti, mentre la mascherina è ciò differenzia i dipendenti dell’hotel, che ne indossano una chirurgica, dal designer che sceglie versioni modaiole in stoffa. 

Jacob opta per un look che attinge a piene mani dal mondo femminile e gioca con il make-up, i gioielli e le scarpe con i tacchi. Nella scena finale indossa addirittura un paio di short, abbinati a décolleté open toe, che gli lasciano le gambe completamente scoperte. 

New York City

Il film è anche una dichiarazione d’amore dell’artista per la Grande Mela. Le scene animate si alternano a scorci della città, che viene immortalata sia nelle sua calma piatta, durante il lockdown, che nel momento del risveglio, quando tutto sembra tornare alla normalità.

Adriana Fenzi

Marc Jacobs
Marc Jacobs
Marc Jacobs
Marc Jacobs
Marc Jacobs
Marc Jacobs
Marc Jacobs
Marc Jacobs
Marc Jacobs
Marc Jacobs
Marc Jacobs
Marc Jacobs
Marc Jacobs
Marc Jacobs
Marc Jacobs
Marc Jacobs
Marc Jacobs
Marc Jacobs
Marc Jacobs
Marc Jacobs Marc Jacobs Marc Jacobs Marc Jacobs Marc Jacobs Marc Jacobs Marc Jacobs Marc Jacobs Marc Jacobs Marc Jacobs Marc Jacobs Marc Jacobs Marc Jacobs Marc Jacobs Marc Jacobs Marc Jacobs Marc Jacobs Marc Jacobs Marc Jacobs

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.