Pranzi e cene si susseguono nelle giornate di festa ma oltre ai piatti della tradizione un po’ più impegnativi ed elaborati possiamo preparare qualcosa di speciale senza passare troppo tempo ai fornelli, godendoci l’atmosfera casalinga ravvivata dallo spirito del Natale. Ecco qualche proposta che potete abbinare secondo le vostre preferenze per un menu semplice ma ricco di gusto.

Bocconcini filanti al prosciutto

300 g di farina 00

10 g di lievito di birra

100 g di prosciutto cotto a cubetti

100 g di Fontina tagliata a dadini

sale 

zucchero

timo 

origano

3 cucchiai di olio extra vergine di oliva

olio di arachidi per friggere

In una terrina mescolate la farina e il lievito con un cucchiaino di zucchero, 2 cucchiaini di sale, olio extra vergine, i cubetti di prosciutto, un pizzico di origano e di timo e acqua tiepida quanto basta per ottenere un impasto morbido ed elastico; lavoratelo per qualche minuto poi  lasciatelo lievitare per un paio d’ore a temperatura ambiente in un luogo asciutto. Trascorso questo tempo riprendete l’impasto e dividetelo in pezzetti uguali, formando con ognuno una pallina al centro della quale metterete un paio di cubetti di fontina. Allineate le palline su un vassoio e lasciatele riposare per circa mezz’ora. Friggetele in abbondante olio di arachidi, scolatele, asciugatele e servitele subito ben calde.

Polpette di lenticchie

200 g di lenticchie rosse

150 di pomodorini 

uno spicchio d’aglio

30 di parmigiano

2 fette di pane a cassetta

pangrattato

un uovo

olio extra vergine d’oliva

timo

alloro

curry 

cumino

olio di arachidi per friggere

Lessate le lenticchie rosse in acqua bollente salata con una foglia di alloro (non necessitano di ammollo).In un tegame antiaderente fate cuocere i pomodorini tagliati a pezzetti con un cucchiaio di olio extra vergine e lo spicchio d’aglio, il timo, sale e pepe. Aggiungete le lenticchie scolate, unite un cucchiaino di curry e mezzo cucchiaino di cumino e fate insaporire bene; cuocete per una decina di minuti poi lasciate raffreddare. Mettete nel mixer l’uovo, le fette di pane spezzettate, il parmigiano e le lenticchie con il pomodoro, frullate tutto e aggiungete qualche cucchiaio di pangrattato in modo da ottenere un composto consistente. Formate delle palline  e passatele nel pangrattato quindi friggetele in abbondante olio di arachidi. Scolatele, asciugate l’unto in eccesso e servitele ben calde.

Sfogliata salmone e broccoletti

un rotolo di pasta sfoglia

200 g di broccoletti

70 g di formaggio tipo Asiago

50 g di salmone affumicato a fette

3 uova

250 ml di latte

30 g di burro 

sale

pepe

Mondate i broccoletti dividendoli in cimette, scottateli velocemente in acqua bollente salata poi scolateli e fateli insaporire in un tegame con una noce di burro. Stendete la pasta sfoglia in una tortiera imburrata, mettete sul fondo i broccoletti e ricoprite con il formaggio a tocchetti e il salmone affumicato tagliato a striscioline.  Sbattete le uova con il latte fino ad ottenere un composto omogeneo, regolate di sale e pepe e versatelo nella tortiera ricoprendo gli altri ingredienti. Cuocete in forno a 180° per 40 minuti. Lasciate intiepidire prima di servire.

Pennette alla salsa di mela, curry e gamberetti

500 g di pennette

500 g di gamberetti

60 g di burro

curry in polvere

una mela gialla piuttosto grossa

una cipolla 

un ciuffetto di prezzemolo fresco

sale

Mondate la cipolla e affettatela sottilmente. Lavate il prezzemolo, asciugatelo e tritatelo. Sbucciate la mela, privatela del torsolo e tagliatela a dadini. In un tegame fate appassire nel burro la cipolla, unite la mela a dadini e un cucchiaino di curry, quindi continuate a mescolare finché la mela si sarà ammorbidita.Spegnete il fuoco e frullate tutto fino ad ottenere una salsina cremosa. Scottate velocemente i gamberetti in acqua bollente salata poi uniteli alla salsa preparata. Cuocete le pennette e conditele con la salsina alla mela e una spolverata di prezzemolo. 

Gnocchi agli spinaci e pinoli

600 g di gnocchi di patate 

300 g di spinaci

80 g di pinoli

50 g di burro

uno spicchio d’aglio

noce moscata

sale

Mondate e lessate gli spinaci, poi scolateli, strizzateli bene e tritateli. In un tegame fate rosolare nel burro lo spicchio d’aglio, unite i pinoli tritati grossolanamente e lasciateli tostare poi eliminate l’aglio e aggiungete gli spinaci, mescolando per fare insaporire bene. Regolate di sale e pepe e spolverizzate con la noce moscata. Cuocete gli gnocchi in abbondante acqua salata, scolateli conservando un poco di acqua di cottura e versateli nel tegame con gli spinaci e i pinoli ; unite l’acqua di cottura tenuta da parte, mescolate per fare amalgamare bene tutto e cuocete ancora per qualche minuto prima di servire.

Branzino all’arancia

un kg di filetti di branzino

3 arance non trattate

una cipolla

un bicchiere di vino bianco

farina 00 q.b.

50 g di burro

olio extra vergine d’oliva

un ciuffetto di prezzemolo fresco

pepe rosa in grani

sale

Lavate e asciugate i filetti, passateli nella farina da entrambi i lati eliminando quella in eccesso e teneteli da parte. Sbucciate due arance ricavando dalla scorza delle striscioline sottili (senza la parte bianca) e tagliatele a julienne. Spremete le arance filtrando il succo e raccoglietelo in un bicchiere. Tritate la cipolla e il prezzemolo. In un tegame preparate la salsa: fate stufare la cipolla a fuoco basso con il burro, aggiungete un cucchiaio di farina facendo attenzione che non si formino grumi quindi allungate con il bicchiere di vino bianco e il succo delle arance: lasciate sobbollire per 10 minuti. Unite poi le scorzette, il pepe in grani, regolate di sale e fate addensare per qualche minuto; togliete da fuoco e tenete al caldo. Nel frattempo in una padella antiaderente con  2 cucchiai di olio dorate da entrambi i lati i filetti di pesce infarinati, poi toglieteli e asciugateli bene con carta da cucina. Pelate al vivo la rimanente arancia e tagliatela a fettine. Disponete su un piatto i filetti di branzino alternandoli a fettine di arancia e irrorateli con la salsa preparata. Spolverizzate con il prezzemolo tritato e servite ben caldi. 

Vitello tonnato

un kg di carne magra di vitello

una carota, una cipolla, un gambo di sedano, alloro

200 g di tonno sottolio

4 acciughe

3 cucchiai di capperi in salamoia

2 uova sode

un limone

olio extra vergine d’oliva

sale

Fate lessare la carne con gli aromi e lasciatela raffreddare nel brodo di cottura. Toglietela poi dal brodo e tagliatela a fettine sottili. Mettete nel mixer il tonno sgocciolato, le acciughe, i capperi e i tuorli delle uova sode. Unite l’olio extra vergine a filo, il succo del limone e tritate tutto finemente, aggiungendo se necessario un po’ di brodo. Disponete le fettine su un vassoio e ricopritele con la salsa ottenuta. Lasciate raffreddare un paio d’ore in frigorifero prima di servire.

Arrosto al latte

un kg di lonza di maiale avvolto nella rete

1 l di latte

60 g di burro

qualche rametto di rosmarino

sale 

pepe

Insaporite la carne massaggiandola con sale e pepe e infilate nella rete i rametti di rosmarino. Fate fondere il burro in una pentola antiaderente dai bordi alti e rosolate la lonza su ogni lato in modo che si formi una crosticina dorata. Scaldate a parte il latte e aggiungetelo tiepido alla carne; fate cuocere con il coperchio a fiamma bassa per circa un’ora, controllando ogni tanto. Una volta cotta trasferite la carne su un piatto e fate restringere il fondo di cottura: potete frullarlo in modo da ottenere una salsina cremosa e omogenea. Togliete la rete alla lonza, tagliatela a fettine e immergetele nella salsina al latte in modo che si insaporiscano bene. Servite la carne con il suo sughetto  accompagnandola con patate arrosto.

Marzia Medagliani

1polpette lenticchie
torta-salata-al-salmone-e-broccoli
bocconcini filanti
gnocchi spinaci e pinoli
penne-con-gamberetti-e-curry
orata-arancia-e-rosmarino
Vitello-tonnato
arrosto-al-latte
1polpette lenticchie torta-salata-al-salmone-e-broccoli bocconcini filanti gnocchi spinaci e pinoli penne-con-gamberetti-e-curry orata-arancia-e-rosmarino Vitello-tonnato arrosto-al-latte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.