Con il brano ‘Glicine’ vi voglio raccontare la nascita di una nuova forza, di una nuova consapevolezza. Ora sono orgogliosa di indossare le mie emozioni…” – aveva scritto pochi giorni fa su Instagram Noemi, in gara al 71° Festival di Sanremo con la sua bellissima canzone. E dalla riviera sanremese, via streaming, si racconta alla stampa…

Nella prima serata del Festival ha sceso le scale del Teatro Ariston fasciata in uno scintillante abito da sera di D&G, luminosa e sorridente, lasciando tutti senza parole. E’ lei la ‘nuova’ Noemi, che a prima vista stenti a riconoscere. Porta sul palco della kermesse ‘Glicine’ un pezzo scritto da Ginevra Lubrano, Francesco Fugazza, Tattroli e Dario Faini. Del brano delicato e emozionante, del nuovo album ‘Metamorfosi’ e della sua nuova immagine, ne ha parlato con   i giornalisti durante una conferenza stampa, collegata via streaming da Sanremo. Amo Glicine”- spiega”- perché sento dentro questo pezzo una doppia anima: la grande forza della classicità viene trasfigurata in una modernità incredibile. È il brano perfetto per questo mio Sanremo, in quanto fa da anello di congiunzione tra il gusto per la melodia e l’intensità del testo, sempre in sintonia con il momento che sto vivendo”. 

UN CAMBAMENTO DI IMMAGINE E NON SOLO

“Metamorfosi’ è frutto del lavoro degli ultimi anni e parte dalla mia voglia di ricentrarmi. Da lì ho trovato la forza di uscire dal guscio e di mettermi anche in gioco con il mondo dell’underground, grazie a collaborazioni preziose che scoprirete, ascoltando il disco. Ci troverete cantautori e cantautrici che hanno veramente tanto da dire e ai quali mi sono raccontata sotto una luce diversa, senza mai però perdere di vista la mia essenza. L’incontro è stato bellissimo e ne è nata una tracklist decisamente varia”. 

ANCHE NEFFA TRA LE FIRME DELL’ALBUM

“’Metamorfosi’” è il brano che rappresenta al meglio la scoperta di nuove dinamiche e nuovi colori anche per la mia voce (come l’uso del falsetto; ndr), ed è come se avessi aperto una porta segreta dentro di me e avessi trovato un giardino meraviglioso. Tra le vare collaborazioni autorali ci sono Franco126 e Neffa in ‘Tu non devi’, e poi Federica Abbate e altri che mi hanno dato la possibilità di esprimermi, con la curiosità che ha sempre contraddistinto il mio mondo”.

DIMAGRITA E TONICA 

“Amo mangiare. Ero la classica tipa da hamburger di mezzanotte.Poi, man mano che entri in quell’ottica e nei vestiti che ami e ti senti in ordine, fugg la la sciatteria anche alimentare. Come ho fatto a rimettermi così in forma? E’ partito tutto dalla testa! Mi sono rivolta alla Dottoressa Monica Germani che mi ha fatto fare un percorso psicologico nei confronti del cibo. Ho scelto per allenarmi il ‘Tacfit’, una disciplina americana quasi militaresca (ride; ndr) molto divertente, che utilizza protocolli sempre diversi. E ho scelto il bravissimo Carlo Di Stefano, come mio personal trainer. In un anno e mezzo, ho perso 15 chili. E’ stato un percorso importante che non può essere fatto da soli! Ci si può sentire leggeri in un corpo burroso o forti in un fisico esile. Non si tratta solo di estetica, l’importante è essere come si vuole e come vogliamo essere percepiti dagli altri“.

Sonja Annibaldi

Noemi_Glicine
noemi1
Sleeve.indd
noemi
noemi2
Noemi_Glicine noemi1 Sleeve.indd noemi noemi2

Un pensiero su ““Glicine” di Noemi : una canzone per raccontare la nascita di una nuova forza e consapevolezza”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.